Appunti dal web, dagli scritti di Michele Trenti

Simmetria e proporzione

23/09/2008

Appunti di Michele Trenti

Osserviamo la natura più generale dei principi che regolano la percezione estetica e troveremo che tutto può ricondursi a pochissimi elementi. Forse l soli principi formali comuni ad ogni opera d’arte sono quelli che può riferirsi al senso, innato per ognuno di noi, di simmetria e di proporzione; la realizzazione di tali principii, e la loro costante alterazione e ricostituzione nel corso di un lavoro, sono alla base del processo di “lettura” dell’opera.
I due principi originari opposti e complementari della tradizione orientale (“Yin” e “Yang”cinesi) possono trovare estrinsecazione in arte sotto forma di tendenza a realizzare una struttura dotata di simmetrie e tendenza a rompere queste simmetrie, per trovarne immediatamente di nuove, in un fecondo e fantasioso gioco di equilibri cui concorre ogni elemento dell’opera. Il processo che si produce sembra ricalcare il modo di procedere della natura, nell’infinita varietà dei suoi fenomeni e nel meraviglioso equilibrio che realizza.
In musica le forme della Fuga e della Sonata – per fare due esempi noti – coniugano in maniera ricca e varia il principio di simmetria a più livelli, dall’impianto formale alle relazioni tematiche, dalle modalità di elaborazione del materiale alla tessitura.